Roma, bimba di 9 anni muore di morbillo: non era stata vaccinata

Roma, muore bimba di 9 anni a causa del morbillo, non era vaccinata

La bambina non era stata vaccinata e così ha contratto il virus che, insieme ad una malattia genetica l'hanno portata ad una morte prematura.

A spiegare il suo quadro clinico è Alberto Villani, primario del reparto di pediatria della struttura e presidente della Società Italiana di pediatria: "Se non avesse preso il morbillo, con ogni probabilità non sarebbe morta". La piccola era nata nel febbraio 2008 e soffriva di cromosopatia, una malattia genetica che non era comunque incompatibile con le vaccinazioni per questa malattia. Negli altri casi, con attenzione, si può procedere alla vaccinazione, che anzi è protettiva.

L'ospedale pediatrico romano precisa che la bimba è morta per insufficienza respiratoria e di altri organi per un'infezione da morbillo. Il bambino, che si trova nel nosocomio oristanese da sabato scorsoo, non corre ora pericolo di vita e le sue condizioni sono in progressivo miglioramento, anche se permangono alcuni sintomi tipici della patologia, come le contrazioni muscolari e la paralisi dei nervi cranici. "La vicenda ripropone il tema della scelta dei vaccini".

BAMBINI NON VACCINATI, RICOVERATO PER TETANO: CASO RARISSIMO, IL PRIMO DOPO 30 ANNI - A proposito di bambini non vaccinati, a distanza di 30 anni è stato registrato il primo caso di tetano. "Abbiamo tentato di tutto: se fosse stata vaccinata probabilmente non avrebbe avuto nessuna complicazione e non sarebbe morta". Un ragazzino di 10 anni, in vacanza con la famiglia, è stato ricoverato per tetano nell'Unità operativa di Pediatria dell'ospedale San Martino di Oristano. All'origine dell'infezione era stata una caduta dalla bicicletta, che aveva causato al bambino una ferita da taglio sulla fronte, inizialmente curata in un ospedale della penisola, dove, secondo quanto riferito dagli operatori sanitari, era stata proposta ai genitori in via cautelativa la terapia con immunoglobulina antitetanica, come da prassi. Per il medico, "la vaccinazione verso soggetti più fragili, sarebbe auspicabile mentre spesso, si cade preda di timori infondati". Non ce l'ha fatta. "Quello che è fondamentale a questo punto è creare una cultura condivisa sull'importanza delle vaccinazioni". "Il caso di tetano rappresenta un'eccezione che, certamente, sarebbe stata evitabile se il piccolo fosse stato vaccinato".

Notizie correlate:

Notizie calde

isis-killer-beheading-video-story-top L'Italia valuta il blocco dei porti
Giugno 28, 2017 - 19:07
La situazione , infatti, è "ai limiti della capacità" di gestione del paese. Le strutture di accoglienza si trovano ormai sottoposte a forte pressione .

isis-killer-beheading-video-story-top Draghi: "Dal QE Europa in crescita del 3,6%"
Giugno 28, 2017 - 17:54
In ogni caso, avverte, "ci saranno pressioni al rialzo sui prezzi" una volta che diminuirà la capacità produttiva inutilizzata.

isis-killer-beheading-video-story-top Spalletti: "Io sono l'Inter. Champions obiettivo minimo"
Giugno 28, 2017 - 17:45
Come lo ero per la Roma e per le squadra che ho allenato in precedenza, sono eccitato di poter lavorare per L'Inter . Infine se sente l'obbligo il ritorno in Champions: " L'obbligo è quello di sentirlo come un obiettivo minimo .